Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2011

Dal Libro di Giobbe  cap.27

Giobbe continuò a dire:

“Per la vita di Dio che mi ha privato del mio diritto,

per l’Onnipotente che mi ha amareggiato l’animo,

finché ci sarà in me un soffio di vita,

e l’alito di Dio nelle mie narici,

mai le mie labbra diranno falsità

e la mia lingua mai pronunzierà menzogna.

Lungi da me che io mai vi dia ragione;

fino alla morte non rinunzierò alla mia integrità.

Mi terrò saldo nella mia giustizia senza cedere,

la mia coscienza non mi rimprovera nessuno dei miei giorni.

Sia trattato come reo il mio nemico e

il mio avversario come un ingiusto.

Che cosa infatti può sperare l’empio quando finirà,

quando Dio gli toglierà la vita?

Ascolterà forse Dio il suo grido quando

la sventura piomberà su di lui?

Ecco voi tutti lo vedete;

perché dunque vi perdete in cose vane?

Questa è la sorte che Dio riserva al malvagio

è la porzione che i violenti ricevono dall’Onnipotente.

Annunci

Read Full Post »