Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2013

mobbing1

Molte sono le persone che denunciano vessazioni e abusi

in ambito lavorativo, il così detto “mobbing”  fenomeno diffusissimo

per lo più nelle pubbliche amministrazioni

che si sa, non hanno una vigilanza diretta del

datore di lavoro.

Oltre ai rischi che ogni mansione lavorativa può comportare,

si è aggiunto il rischio dello -stress lavoro correlato-  

nel quale rientra anche la sindrome da mobbing

Provocare tale disagio a una persona

o a più persone in ambito lavorativo,

oltre a danneggiare la salute della vittima designata,

comporta senza ombra di dubbio, anche il disservizio,

poiché viene a mancare il lavoro di squadra,

indispensabile come i mattoni che servono a costruire la casa;

tutti hanno una collocazione ben precisa e tutti sono necessari

per tenere insieme l’edificio stesso. 

Ogni singolo lavoratore è come il mattone che,

oltre ad essere designato a specifiche competenze,

diventa parte  integrante nel suo ambito.

Il mobbing, va ad interrompere l’equilibrio di tutto il sistema

e accade che si inneschi lo spreco economico proprio in virtù

della laboriosa complicità omicidiale.

L’eliminazione forzata del mattone comporta un certo

dispendio di energia, che viene tolta al lavoro.

L’attività complottistica fatta durante l’orario di servizio:

toglie concentrazione alla finalità professionale,

dando luogo a spreco di tempo e quindi di …denaro

oltre ad  una maggiore probabilità di errore.

Anche mettere in un angolo la vittima designata 

è un grosso spreco di soldi ed energie,

perché quell’attività lavorativa non sarà

più portata avanti fluidamente,

proprio a motivo della forte tensione  ambientale,

ridicolizzando inoltre, l’utilità effettiva di quel lavoratore,

con la sovrapposizione della caricatura umiliante

del fannullone.

“Anche non svolgere il proprio dovere in ambito lavorativo

favorisce lo spreco.”

Pertanto,ogni singolo individuo è tenuto all’osservanza

delle norme civiche e morali per il buon andamento

dell’attività lavorativa, evitando di causare 

direttamente o indirettamente danni  o

deterioramenti alla salute altrui  per scopi palesemente

criminosi, atti ad eliminare la personalità oltre che la

professionalità dell’altro, favorendo così, nella  scelleratezza,

il danno ad un intero sistema, ivi compreso quello economico.

logo-non-sprecare2

Annunci

Read Full Post »