Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘A favore della vita’ Category

 

“Ogni vita è un tempio consacrato a Dio”.

All’avvicinarsi della Pasqua, queste parole risuonano cariche di profezia.

Non adottare con Dio la legge scadente della compravendita

di favori, dove tu dai qualcosa a Dio (…) perchè

Lui dia qualcosa a te.

Se facciamo così, se crediamo di coinvolgere Dio in questo

mercanteggiare, siamo solo dei cambiamonete che vivono fuori dal tempio.

Dio non si compra neanche al prezzo di una moneta

più pura o più preziosa, perchè è il Dio di tutti, e vive in tutti.

Noi riceviamo  da Lui la salvezza per entrare nella vita eterna,

casa di Dio è l’uomo, per questo

non dobbiamo pensare di fare mercato della vita.

Le leggi dell’economia possono solamente immiserire l’umanità

perchè spesso sono assoggettate alla vendita della dignità e

della libertà. Il denaro, si camuffa come il bene più prezioso,

nel quale la nuova etica sostiene

che esso solo può darci la felicità.

L’esistenza dell’uomo invece non può essere sottomessa alla

legge della ricchezza, ne ad altre leggi: quella del più forte

del più astuto, del più violento. Sono leggi sbagliate che stanno

dentro la vita come le pecore e i buoi dentro il tempio di Gerusalemme,

la sporcano e la profanano.

Queste devono vivere fuori dalla casa di Dio che è il cuore dell’uomo.

Non dobbiamo attaccare il cuore a ciò che non dura per l’eternità.

Casa di Dio è ogni vita, tempio fragile, bellissimo prezioso ed infinito,

nessuna vita neppure la più insignificante, può essere sminuita,

perchè non c’è niente che abbia più valore della stessa vita.


Read Full Post »

LA GIOVINEZZA

 

Alessandro D’Avenia, autore di un romanzo bellissimo, “Bianca come il latte, rossa come il sangue” (Mondadori), che è il vero caso editoriale di questi anni, ama appunto raccontare gli adolescenti, i quali saranno al centro pure del suo prossimo romanzo, “Cose che nessuno sa”, in uscita a novembre: “quella è l’età nella quale le cose sono nude, senza sfumature. Dunque è una straordinaria lente di ingrandimento di ciò che veramente interessa a uomini e donne: la scoperta di sé come corpo e come anima”.

Aggiunge: “ogni stagione della vita è un po’ come la nascita: in ogni stagione veniamo un po’ alla luce e ci facciamo un pianto. Ma mentre il primo pianto, quello della nascita, passa con l’abbraccio della madre, quando si diventa adolescenti si viene alla luce con un dolore ancor più vivo a lenire e confortare il quale non bastano più la mamma e il babbo”.

“Da lo Straniero di A. Socci”.

Read Full Post »

Mi sono sempre chiesta cosa ci fosse di tanto divertente in una partita di boxe.

Tutti quei colpi sferrati senza motivo contro l’avversario

e la crudeltà con la quale si vivela gara, mi hanno convinto

che in fondo all’animo umano c’è molto torbido che emerge

prepotentemente dal fondo dell’essere e che prima o

poi viene sempre a galla nella vita di ognuno.

Il godimento a mettere KO l’altro nasconde un desiderio di crudeltà

che molti non riescono a nascondere e che non trattengono ,

attraverso quei violenti colpi dati senza motivo

finalizzati allo  scopo di colpire per uccidere,

diffondendo così la violenza e la mancanza di

fratellanza.

Sento di molti che dicono di godere nel vedere il sangue umano

specie quando il dolore dell’altro diventa motivo di rivincita

per coloro che si nutrono del male finalizzato a

cercare soddisfazione nel bisogno di vendetta.

Anche il mobbing può essere messo sullo stesso piano poiché

segue  la stessa regola di crudeltà.

Si può uccidere  l’altro anche senza armi

con la sola forza della mente perversa

e malata che instilla odio, veleno mortale,

per annientare e sopprimere chi  è nel bene.

Gesù fu il primo di tutti coloro che sono

stati vittime di violenze, torture e ingiustizie.

Anche allora come ora si organizzavano spettacoli al sangue,

per far divertire le folle con quella dose di violenza

con la quale ogni belva si poteva identificare.

Una folla rissosa e schiamazzante urla per vedere il sangue,

si chiede di colpire sempre

più ferocemente la vittima designata e come nell’arena

si incoraggia il più forte a

infierire su chi non può difendersi più .

La vittima riceve molti colpi mortali e cerca

di trovare il riparo da tutta quella rabbia

in un angolo della gabbia, il ring,

ma è proprio quell’angolo che la renderà più

vulnerabile ed esposta alla violenza del suo carnefice,

quell’angolo che la condurrà alla morte per  mano

del suo avversario a causa di lesioni

interne inflitte ad ogni organo del proprio corpo.”

Colpi ripetuti alla testa, al fegato, al cuore ai reni,

alle mandibole,sferrati via via con

maggior violenza perché già preannunciatori

della gloria della vittoria del male, che uccide.

Quell’angolo del ring, dove si consuma il delitto

il più feroce, acclamato da una

folla che osanna l’assassino, al quale  implora  ” uccidi, uccidi”.

Dov’è l’uomo in tutta questa crudeltà?

Dove si nasconde l’umanità  che ci distingue dalle bestie?

Perché non viene accolto il dono che Dio ha fatto alle Sue creature?

L’Amore! Bello e raro, puro ed eterno.

Sono fiere e non uomini coloro che si prestano ad alimentare il male,

assecondandolo, partecipandovi, vivendolo anche solo da spettatori,

lo stesso male che consente però

di far trionfare il bene nella misura in cui viene a lui  sottomesso.

Dio aiuti i suoi figli, vittime della violenza del maligno.

Dio venga presto in nostro aiuto!




Read Full Post »

Dopo le vicende legate agli ultimi sviluppi del caso Sarah ,

viene da pensare a quanta supponenza e ipocrisia ci sia da parte

di tanti grandi nomi della scienza e dello spettacolo.

Negli ultimi 50 anni, è stata foraggiata la cultura pro-trasgressiva,

tutti devono sentirsi liberi di fare, di dire, di essere…

Si all’adulterio, all’omossessualità, alla sottomissione delle

mode contemporanee, ai matrimoni gay , al concepimento in provetta

all’eutanasia, all’aborto.

E poi ci chiediamo che fine abbiano fatto i valori?

O che fine abbia fatto la famiglia?

No signori! Non li abbiamo  smarriti! … Perchè ???

Se così fosse avremmo cercato con ogni mezzo di andare

a cercarli. Il fatto è che sono stati eliminati definitivamente,

e quei pochi ricordi sbiaditi che ancora ci affiorano

alla mente fanno parte di vecchie reminescenze del nostro

vissuto collettivo. Perchè ci lamentiamo, se abbiamo ottenuto ciò

che volevamo?  La storia di Sarah non è l’unica storia di orrore

famigliare che abbiamo vissuto dalla metà del secolo scorso;

l’emancipazione della donna ha lasciato un grande vuoto

all’interno del focolare domestico e questo vuoto non lo si

percepisce solamente lo si respira e lo si ingerisce;

qualch’uno senza fatica, altri con tanta amarezza.

E’ sempre la donna che provoca le più grandi calamità

reazioni delle sue azioni….

C’è ancora speranza però per un mondo migliore;

lasciamo parlare i Santi e ascoltiamo solamente le loro parole

e i loro consigli,mentre i vip dello spettacolo

continuano a cianciare frasi senza senso,

fatte da parolai che si  autofregiano del titolo di esperti.

Dominus Vobiscum

Read Full Post »

sanacionIl grido di dolore di un padre,

scuarcia il velo dell’esistenza,

entra in ogni dimensione,

travolge i cuori di ogni cellula animata

dal pulsare della  vita.

Caterina è sveglia, ascolta ogni singolo

battito del cuore universale,

in quel cuore vi sono le innumerevoli suppliche

di suo padre Antonio  di sua madre Alessandra,

e di tanti che attendono fiduciosi,

con le mani alzate  protese al cielo,

il prossimo risveglio di Caterina.

Si! E’ il miracolo ciò che si stà per

realizzare a Gloria di Dio!

La notte stà per terminare e con essa

cessa ogni sonno per aprirsi al RISVEGLIO!

MARIA, MADRE DELLA VITA: PREGA PER NOI!

images

Read Full Post »

UOMO CHI SEI?

creazione_uomo2Nella tradizione coranica, si descrive in maniera molto poetica,

qual’è stato il peccato dei demoni, sopratutto del principe di questi: Iblis.

Egli era un grande Angelo proteso alla lode di Dio,

ma fù condannato e precipitato negli abissi,

perchè si era rifiutato di riconoscere che l’uomo

è ancora più bello degli Angeli ed ancora più mirabile.

Non aveva voluto onorare quest’opera meravigliosa

della creazione, ideata da Dio: l’uomo. Suo figlio!

Uomo, chi sei? Lo sai che Dio ti ha elevato alla dignità

di Figlio? E se vuoi essere figlio comportati da  Re!

Egli è il Tuo Signore e Padre, prostrati a Lui,

ora e sempre.

Voglio dare il benvenuto a tutti i Figli di Dio

giunti sulla terra e, in particolare al

piccolo Cristiano, il quale come un grande dono

è venuto ad allietare la vita dei miei cari,

Barbara, Marco, Cassandra.

Dio Vi Benedica di Cuore!

Read Full Post »

1177928580737_lattesa

Con oggi inizia la prima settimana dell’Avvento,

tempo di vigilanza ed attesa del Signore.

Da non confondere con una qualunque attesa,

bensì come un tempo di maturazione da portare a compimento;

questo perchè il Signore si è già manifestato nella natura umana,

e chiede ad ogni uomo di accettare la sua venuta in noi.

Attendiamo più o meno trepidanti e partecipi il compimento del disegno

di Dio per noi, e in questa attesa meditiamo nella contemplazione il

senso della vita che è un dono e chiede anche a noi di donarci

gli uni per gli altri, senza stancarci mai di offrire.

Come l’albero che per produrre i frutti sacrifica le foglie,

le quali,subito dopo il raccolto perdono il loro vigore e cadono,

così anche ogni vita umana si colmi di significato

per portare a termine la sua opera.

Sia la nostra un’attesa fruttuosa e vigilante.

Dominus Vobiscum


Read Full Post »

Older Posts »